imagealt

Artigianato per il Made in Italy - opzione Produzioni Tessili Sartoriali

Il Diplomato di istruzione professionale nell’indirizzo “Artigianato per il Made in Italy- opzione Produzioni Tessili Industriali” interviene nei processi di lavorazione, fabbricazione, assemblaggio e commercializzazione di prodotti industriali e artigianali.

Le sue competenze tecnico-professionali sono riferite alle filiere dei settori produttivi generali (economia del mare, abbigliamento, industria del mobile e dell’arredamento, grafica industriale, edilizia, industria chimico-biologica, produzioni multimediali, cinematografiche e televisive ed altri) e specificamente sviluppate in relazione alle esigenze espresse dal territorio.

 

IL QUADRO ORARIO

 

DISCIPLINE DEL PIANO DI STUDI ORE SETTIMANALI
TERZA QUARTA QUINTA
Lingua Italiana e Inglese* 7 7 7
Storia 2 2 2
Lingua inglese 3 3 3
Matematica 3 3 3
Scienze motorie e sportive 2 2 2
Religione cattolica o Attività alternative 1 1 1
Area Tecnologica (tecnologie applicate ai materiali e ai processi produttivi,...) 11 9 8
Area Tecnico Professionale (laboratori tecnologici, tecniche di distribuzione e marketing) 6 8 9
TOTALE 32 32 32

 * dal 3^ anno un'ora di inglese tecnico

PROFILO DEL DIPLOMATO

Il Diplomato di istruzione professionale nell'indirizzo "Artigianato per il Made in Italy - opzione Produzioni Tessili Sartoriali" interviene nei processi di lavorazione, fabbricazione, assemblaggio e commercializzazione di prodotti industriali e artigianali, valorizzando la tradizione con forme e stili innovativi, utilizza strumenti informatici per gli aspetti produttivi e gestionali.

 

DISCIPLINE CARATTERIZZANTI

LABORATORI TECNOLOGICI ED ESERCITAZIONI TESSILI, ABBIGLIAMENTO

L’Allievo conosce il sistema moda con la produzione industriale, nel rispetto della normativa di sicurezza del lavoro. Realizza prototipi di corpetti e abiti con particolari ed interni; prototipi di abiti asimmetrici, maniche particolari e camicie fantasia; prototipi di capospalla con particolari ed interni. E’ in grado di predisporre le schede tecniche dei processi industriali con il ciclo di lavorazione per singolo prototipo.

 

TECNOLOGIE APPLICATE AI MATERIALI E AI PROCESSI PRODUTTIVI TESSILI, ABBIGLIAMENTO

La disciplina descrive le caratteristiche delle principali fibre tessili e filati; i tessuti ortogonali e a maglia; le  principali armature dei tessuti a livello tecnico e commerciale. Esamina la tintura dei tessuti; la stampa dei tessuti e i controlli qualità da parte del produttore; l'organizzazione della confezione; i calendari e la pianificazione dei campionari; i trattamenti in capo; l'Etichettatura e composizione ed etichette di manutenzione dei materiali tessili.

 

PROGETTAZIONE TESSILE - ABBIGLIAMENTO, MODA E COSTUME

La disciplina studia gli elementi di storia della moda e del costume con particolare riferimento al costume medioevale, gotico,rinascimentale italiano, cinquecentesco, costume barocco italiano e francese; il ‘700, costume rococò, costume del ‘700 veneziano, modelli dalla metà dell’800 con WORTH al ‘900; gli anni ’10, ‘20, ’30, ’40, ’50 e ’60; progettazione di mini collezioni ispirate ai celebri designer del ‘90. Prende in esame lo studio del corpo umano ed in particolare del corpo femminile, i figurini e plat con alcune proposte personalizzate. Cura la stilizzazione del figurino statico e in movimento e lo studio e rappresentazione grafica di accessori per la moda.

 

TECNICHE DI DISTRIBUZIONE E MARKETING 

La discipina permette di conoscere il settore tessile in Italia e l’organizzazione della filiera produttiva con particolare attenzione al marketing strategico e al marketing operativo con le relative strategie di marketing e di pianificazione. Viene posta attenzione alle quattro leve del marketing mix: prezzo, prodotto, placement e promozione e alla differenza tra marchio, marca e griffe. Inoltre viene affrontato lo studio dei canali distributivi tradizionali ed emergenti, ponendo attenzione alla differenza tra merchandising e visual merchandising e all’utilizzo di Internet come strumento di comunicazione. 

 

I LABORATORI

I laboratori sono il punto di forza del percorso professionale, in quanto sono di supporto alle discipline teoriche dell'area e sono parte integrante dell'attività scolastica.

Laboratorio modellistica e confezioni

L'allievo/a reealizza prototipi di corpetti e abiti con particolari ed interni; prototipi di abiti asimmetrici, maniche particolari e camicie fantasia; prototipi di capospalla con particolari ed interni; redige le schede tecniche dei processi industriali con il ciclo di lavorazione. 

Laboratorio disegno professionale

In questo laboratorio l'allievo ha modo di progettare mini collezioni ispirate ai celebri designer del ‘900; studia e riproduce figurini e disegni tecnici, tableau, cartella colori e tessuti, bozzetti, esecutivi e disegni tecnici; stilizza il figurino per la moda, in particolare quello femminile, sia statico che in movimento. 

 

LE COMPETENZE

Al termine del percorso quinquennale, il diplomato sarà in grado di:

  • Utilizzare adeguatamente gli strumenti informatici e i software dedicati agli aspetti produttivi e gestionali.

  • Selezionare e gestire i processi della produzione tessile-sartoriale in rapporto ai materiali e alle tecnologie specifiche.

  • Applicare le procedure che disciplinano i processi produttivi tessili-sartoriali, nel rispetto della normativa sulla sicurezza nei luoghi di vita e di lavoro e sulla tutela dell’ambiente e del territorio.

  • Innovare e valorizzare sotto il profilo creativo e tecnico, le produzioni tradizionali del territorio.

  • Riconoscere gli aspetti di efficacia, efficienza ed economicità e applicare i sistemi di controllo-qualità nella propria attività lavorativa.

  • Interpretare ed elaborare in modo innovativo forme e stili delle produzioni tradizionali del settore tessile-artigianale.

  • Padroneggiare tecniche di lavorazione e adeguati strumenti gestionali nella elaborazione, diffusione e commercializzazione dei prodotti artigianali.

  • Intervenire nelle diverse fasi e livelli dei processi produttivi tessili e sartoriali, mantenendone la visione sistemica.